Se stai leggendo questo articolo i casi sono due: o sei un mio amico, un lettore affezionato, un curioso seriale, e vuoi scoprire a quali fonti di retorica abbia attinto per scrivere l’ennesimo post sul successo, oppure sei seriamente intenzionato a scoprire come si faccia ad avere successo nella vita.

In tutta onestà devo confessarti che se appartieni alla seconda categoria difficilmente riuscirai a raggiungere il tuo scopo: siamo seri, anche senza paragoni imbarazzanti con geni planetari, multimilionari e superstar del web, credi davvero che qualcuna delle persone che conosci e di cui bonariamente invidi il successo abbia trovato la propria strada grazie ad una ricerca su google?

In effetti no, chiunque sia riuscito a raggiungere i propri obiettivi lo ha fatto perché ha lavorato duramente e ha seguito le uniche regole davvero importanti per avere successo nella vita: impara, agisci, persevera.

Vuoi avere successo? Non smettere mai di imparare.

[Tweet “Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. Albert Einstein”]

Okay, detto da Einstein suona un po’ come la strafiga che ti dice “davvero pensi che io sia carina? ma no, io non mi piaccio per niente!”… eppure questa è una delle mie citazioni preferite. Forse perché legittima quella caratteristica umana che posseggo in sovrabbondanza e che spesso è invece associata al desiderio morboso di conoscere ciò che non dovrebbe riguardarci.

Curioso non è un sinonimo di impiccione, e la mia definizione preferita di curiosità è questa: “gusto, piacere di accrescere il proprio sapere, di fare nuove esperienze”.

Non vorrei essere troppo disfattista, ma se non sei curioso la tua strada per il successo sarà davvero impervia. Il curioso non impara perché deve, lo fa perché è sinceramente affascinato dalla scoperta, dalla conoscenza delle cose e di ciò che è diverso dalla realtà a cui è abituato. Il curioso sperimenta e impara perché è nella sua natura farlo.

Se non sei curioso dovrai sforzarti di diventarlo, perché soltanto imparando ogni giorno qualcosa di nuovo potrai raggiungere il successo, e mantenerlo.

È chiaro che tuttavia la conoscenza senza l’intraprendenza serva a ben poco. Anzi, talvolta più si impara e più ci si rende conto di non sapere. E questa a molti sembra un’ottima scusa per la propria tendenza alla procrastinazione.  “Non so, non sono sicuro, devo studiarci ancora un po’”…

Non preoccuparti di tutto quello che devi ancora conoscere, non smettere mai di imparare, ma non aspettare oltre per cominciare a fare.

Vuoi cambiare qualcosa? Agisci.

Questo sembra ovvio, vero? Se nulla fai nulla succede.
Eppure sono così tante le persone che si chiedono perché la vita vada sempre allo stesso modo (cioè tendenzialmente male), quando tutto ciò che fanno per cambiarla è sedersi e aspettare, che forse così ovvio non è.[Tweet “”È duro fallire, ma ancor peggio è non aver provato ad avere successo. Theodore Roosevelt”]

Ragionare come Roosevelt non significa essere innamorati della retorica, ma semplicemente voler applicare alla propria vita una verità statistica. Quante probabilità hai di realizzare il sogno di diventare uno scrittore affermato? Poche. Quante probabilità hai di vendere copie di un libro che non hai mai scritto? Nessuna.

Vuoi avere successo? AgisciAggiustiamo un po’ il tiro: quante probabilità hai, contando sul duro lavoro e sulla tua determinazione, di scrivere un libro che piaccia a qualcuno? Abbastanza.

In definitiva, l’unico caso in cui sei certo di fallire è quello in cui tu decida di non agire.

E’ abbastanza facile capire perché il successo non possa prescindere dall’azione, vero?

Tutto si riduce a questo: sta a te scegliere e se provare o rinunciare. Sta a te decidere se ti senti pronto a gettare via la coperta di Linus della tua routine e se vuoi perdere la brutta abitudine di convivere pacificamente con la tua insoddisfazione: sta a te decidere se vuoi realizzare i tuoi sogni o se preferisci continuare ad aspettare che siano i tuoi sogni a venirti a cercare.

Vuoi raggiungere il tuo obiettivo? Persevera.

Vuoi avere successo? PerseveraConosco una talebana del volere è potere che è convinta che la forza del proprio desiderio sia l’unico metro per misurare la possibilità che questo si realizzi. L’idea è un po’ semplicistica, non mi è mai capitato che qualcosa bussasse alla mia porta solo perché lo desideravo moltissimo. Ma contiene una grossa verità, perché più il nostro obiettivo ci sembra importante, più saremo determinati a raggiungerlo.

Non pensare al successo come a una destinazione: il successo è un viaggio. È fatto di salite, discese, posti più belli di quanto immaginavi e altri che ti deluderanno, di luoghi che faticherai a raggiungere e momenti in cui avrai voglia di fermarti. È un cammino che potrai decidere di intraprendere oppure no, ma senza tenacia, perseveranza e voglia di superare tutti gli ostacoli sarà impossibile arrivare fino in fondo.

Un’ultima cosa: prima di cominciare il viaggio, è bene aver chiaro dove vuoi arrivare. Avere successo non significa comparire sulla copertina di dicembre di TIME, vuol dire semplicemente riuscire a realizzare i propri obiettivi, qualsiasi essi siano. E ricorda che [Tweet “Un obiettivo senza un piano è solo un desiderio”]

Potrebbe interessarti anche Non è mai troppo tardi, e un’infografica ci spiega perché.

Vuoi cambiare vita? Comincia da qui.

Sei arrivato fino a qui? Adesso è il momento di lasciare un commento 🙂