Sei un piccolo esercente, un professionista freelance o un lavore autonomo e vorresti usare una pagina Facebook per aumentare le vendite? Scopri come fare!

Come usare una pagina facebook per aumentare le vendite

Se sei un social media qualchecosa, un digital marketer o un esperto di branded content puoi interrompere qui la lettura: questo articolo non è dedicato a te. Se invece sei un piccolo esercente, un lavoratore autonomo o un professionista freelance e vorresti sapere come utilizzare una pagina Facebook per aumentare le vendite, leggi questo post e lo scoprirai.

  • In questo articolo ti spiegherò:
  • Cos’è il digital media marketing
  • Cos’è una Pagina Facebook aziendale
  • Gli errori da evitare nella gestione di una Pagina Facebook
  • Come gestire la tua pagina Facebook per aumentare le vendite
  • Come aumentare il numero dei tuoi followers

Alcune nozioni di digital media marketing

Molte persone pensano al web come a un incredibile risorsa per ampliare il proprio mercato. Il problema è che non sanno come usarla e credono sia qualcosa di più adatto alle grandi aziende che ai piccoli esercenti.
Per chi cerca nuovi clienti la rete è sinonimo di vendita online: purtroppo però alcuni prodotti non godono di grande appetibilità sul web, altri hanno un grosso mercato ma altrettanta concorrenza, e aprire un negozio online significherebbe trovarsi al punto di partenza, ovvero come riuscire a portare i clienti da noi piuttosto che dai nostri concorrenti.

In realtà essere presenti sul web non significa avere un negozio online, o almeno non solo.

Quello che il web offre a chiunque venda un prodotto o un servizio, nel negozio all’angolo o sul più grande portale di commercio online, è la possibilità di farsi conoscere e riconoscere e aumentare le vendite grazie alla visibilità del nostro brand.

Il digital media marketing è la strategia pubblicitaria che racchiude tutte le tecniche promozionali digitali utili a raggiungere questo scopo.

Un momento, tu non sei un brand?
Allora devi diventarlo. Il brand non è un logo, non è una marca e non è un nome: il brand è la percezione che ha di te il tuo cliente, se nella mente del tuo cliente sei uno dei tanti, allora resterai per sempre nel mercato indifferenziato e dovrai competere puntando sul prezzo. Ma il prezzo non è più un reale fattore di scelta, oggi. Il prezzo lo si trova ovunque, e il cliente che decide in base al prezzo è volatile: oggi sceglie te, domani sceglie un altro. Quindi non hai alternative, devi trasformarti in un brand.

Cos’è una Pagina Facebook aziendale?

Le strategie di marketing digitale sono moltissime e applicarle tutte non è oggettivamente possibile per le aziende di piccole dimensioni, poiché richiedono grandi sforzi sia in termini di tempo che di capitale.

Vi è tuttavia un ottimo strumento di promozione online che può permetterti di aumentare le vendite senza costi e con un piccolo impegno di tempo: una pagina Facebook aziendale.

pagina Facebook

Le pagine Facebook altro non sono che uno spazio che il colosso di Palo Alto ci mette a disposizione per comunicare ai nostri followers tutto ciò che vogliamo. È evidente quanto sia importante scegliere cosa comunicare e come farlo, perché se utilizzata bene la nostra pagina potrà fidelizzare i nostri clienti e farcene trovare di nuovi. Se utilizzata male, viceversa, continuerà a farci restare nell’anonimato.

Gli errori da evitare nella gestione di una Pagina Facebook

Sicuramente hai già visitato la pagina Facebook di un’azienda, e probabilmente anche tu ne hai una. Questo tuttavia non è garanzia del fatto che tu sappia cos’è realmente.

Innanzitutto la tua pagina Facebook non è la vetrina del tuo negozio: tempestare i followers di foto dei nuovi arrivi e delle occasioni imperdibili che potranno trovare nel tuo store non avrà il risultato di portare la fila davanti alla porta.

Ancora peggio è confondere la tua pagina con il tuo profilo personale. I resoconti delle tue giornate e le foto dei tuoi bambini potranno interessare ad un paio di amici, ma di certo non ti serviranno ad aumentare le vendite.

Infine, non aprire una pagina Facebook se non sei certo di riuscire a seguirla con costanza: il tuo negozio non deve sembrare abbandonato, e nemmeno la tua pagina!

Come gestire e ottimizzare la tua pagina Facebook per aumentare le vendite

Prima di scegliere un percorso devi avere un obiettivo. Okay, il tuo obiettivo è diventare un brand, ma quale brand? Qual è la percezione che hai della tua azienda? E di conseguenza, qual è la percezione che vorresti ne avessero i tuoi clienti?

Forse vorresti che pensassero a te come quello che offre il meglio al miglior prezzo? Wow, che bella novità!
Devi essere diverso dagli altri, non irrimediabilmente uguale.

Tutte le aziende hanno una storia da raccontare. Pensare alla tua ti aiuterà a individuare i tuoi punti di forza e ti permetterà di comunicare coerentemente i tuoi valori.

Questo è il nostro vero obiettivo: trasmettere ai potenziali clienti i nostri valori.

E il modo in cui intendiamo raggiungerlo è attraverso la creazione di un piano editoriale.

Cos’è un piano editoriale? Non è altro che una strategia coerente e pianificata dei contenuti, del linguaggio, dei modi e dei tempi della nostra comunicazione.

piano editoriale

Te lo spiego con altre parole.
Cosa ti rende diverso dagli altri? Il legame con il territorio? La tua tradizione? La tua capacità di innovazione?
Qualsiasi cosa sia, è necessario che tu lo faccia sapere ai tuoi clienti. I tuoi contenuti devono parlare di ciò che sei, o almeno di come vuoi essere percepito.
Chi sono i tuoi potenziali clienti? Uomini, donne, adolescenti, bambini, sportivi, sedentari… scrivi per il tuo target, concentrati soltanto su quello che credi possa essere utile ai tuoi followers.
Chi sei tu? Un commercialista? Un barista? Un pittore? Non ci aspettiamo che il nostro avvocato ci parli nello stesso modo in cui si rivolge a noi il nostro negoziante preferito. Il linguaggio è importante, e gestire una pagina Facebook significa imparare ad usare tutte le forme comunicative che il mondo digitale ci offre: testi, immagini, video, link e condivisioni. Usale tutte, e usale con il tono di voce adatto.

Creare un piano editoriale richiede tempo e programmazione, ma è un’attività indispensabile se vuoi sfruttare la possibilità di aumentare le vendite che Facebook ti offre. Se ti sembra un’operazione tremendamente complicata (in realtà non lo è affatto!) e pensi di non farcela da solo non esitare a scrivermi.

Come aumentare il numero dei tuoi followers

Non possiamo ampliare il nostro giro di affari se non aumentiamo il numero di followers. Suona abbastanza logico, no? E quindi che si fa? Ovviamente si comincia da amici e parenti, da tutti quelli che “un like non lo si nega a nessuno“. Sbagliato: questa è la strada che porterà al fallimento della tua pagina.

Era la premessa ad essere sbagliata, per quanto potesse sembrare ragionevole: non è il numero dei followers a misurare il successo di una pagina, ma il loro grado di coinvolgimento.

Non solo: se avrai un elevato numero di followers che non interagiscono con la tua pagina, non sono interessati ai tuoi post, non commentano e neppure ti leggono, Facebook ti penalizzerà riducendo la possibilità che i tuoi articoli siano visualizzati.

Approfondiremo in futuro questo argomento, se volete saperne di più nel frattempo vi consiglio la lettura dell’articolo “Facebook: perché non devi mai invitare i tuoi amici a mettere mi piace sulla tua pagina“.  L’autore del post è Marco Rossitto, che con un’efficace similitudine spiega in modo inequivocabile quale sia il risultato di una strategia di questo tipo:

“è come avere dei clienti in negozio cartonati per far sembrare il negozio pieno”

Quindi che fare? Semplice, disinteressati del numero dei tuoi followers. I followers sono una falsa stima del successo della tua pagina. Concentrati piuttosto sulla loro qualità e sul loro coinvolgimento.

Paradossalmente più lenta sarà la crescita della tua pagina, almeno nella fase iniziale, più alte saranno le probabilità di vederla crescere con costanza.

Se non puoi invitare amici e parenti, che altro puoi fare? Puoi, anzi devi, utilizzare i Facebook Ads. Facebook ti consente di pubblicizzare la tua pagina o i tuoi post con un investimento decisamente ridotto, puoi scegliere il tuo budget totale e giornaliero e 50 euro complessivi possono essere sufficienti ad ottenere i primi risultati. Sarai tu a decidere chi visualizzerà l’inserzione, impostando parametri relativi all’area geografica, l’età, il sesso e gli interessi degli utenti.

Ricordati di scegliere attentamente il tuo target… restringi il campo per essere sicuro di spendere bene il tuo denaro e fare in modo che soltanto chi potrebbe diventare tuo cliente visualizzi il tuo annuncio. Fai qualche prova, testa i risultati, aggiusta il tiro e alla fine concentrati sulla strada che avrà portato i migliori risultati.

Grazie ai Facebook Ads non solo potrai focalizzarti sul tuo target, ma sarai certo che tuoi like proverranno da persone che hanno scelto volontariamente di seguirti, probabilmente perché sono interessati ai tuoi contenuti. Gli altri, quelli che ti seguono per cortesia, perché lo hai chiesto tu, nel migliore dei casi non ti leggeranno e nel peggiore bloccheranno la visualizzazione dei tuoi post, con effetti molto dannosi per la tua pagina.

Utilizzando i Facebook Ads non solo ti permetteranno di catalizzare gli sforzi soltanto verso il pubblico che realmente ti interessa, ma faranno

Non dimenticare mai che il tuo scopo deve sempre essere quello di coinvolgere i lettori. Solo così potrai far crescere la tua pagina, fidelizzare i tuoi followers, trasformarli in clienti e raggiungere il tuo scopo finale, quello di aumentare le vendite.

infografica: come aumentare le vendite

Prima di andartene, un ultima cosa: impieghiamo moltissimo del nostro tempo a scrivere articoli come questo. Cerchiamo di farlo con chiarezza e includendo tutte le informazioni che ti serviranno. Per questo motivo se ti è piaciuto o credi che possa essere utile a qualcuno, per favore condividilo cliccando su una delle icone qui sotto!