Vuoi fare Network Marketing? Allora saprai già che non ci sono mezze misure quando si parla di questa attività: o la si ama alla follia, al punto da trasformarla in una ragione di vita, o la si odia visceralmente.
Ma un po’ di obiettività non guasta mai e quindi cerchiamo di capire meglio il fenomeno.

Non è difficile trovare il motivo per cui quasi tutti vedono con sospetto le attività connesse al Network Marketing.
Mi è toccata la sfortuna di assistere ad un paio di “webinars”, seminari online nel corso dei quali i più affermati leader dell’azienda indottrinano i neo entrati sulle tecniche di reclutamento e sulle incredibili opportunità che il futuro ha in serbo per chi non si lascerà sfuggire l’occasione.

I  “leaders”, ovvero i venditori più abili e più anziani, utilizzano modi e linguaggio che li rendono più simili a dei predicatori che non agli imprenditori che teoricamente dovrebbero essere. Le tecniche di reclutamento fanno spesso leva sui sogni e sui bisogni, e in un periodo di crisi economica globale non è difficile trovare persone in cerca di nuovi stimoli e nuovi obiettivi. Se vuoi fare Network Marketing devi innanzitutto comprendere che la persona che sta cercando di avviarti all’attività non è un tuo amico, non è una persona che vuole renderti più ricco o più felice. È soltanto un venditore che sta usando tutti i metodi che gli hanno insegnato per convincerti a comprare il suo prodotto.

Bastano un paio di ricerche su Google per scoprire che le premesse e le promesse delle aziende di MLM sono sempre le stesse.

“Noi siamo diversi“, “il nostro prodotto é unico“, “non devi saper vendere, devi soltanto parlarne in giro” , “il nostro piano compensi è rivoluzionario” Se ti mostri minimamente interessato, il tuo sponsor ti farà contattare dallo sponsor dello sponsor del suo sponsor, una di quelle cinque persone che lavorano nel network marketing da vent’anni e guadagnano 10mila euro al mese, e passerà alla fase 2 del lavaggio del cervello.

Se la prima fase consisteva nel decantare le incredibili qualità dell’azienda, la seconda si incentrerà su di te. Vuoi cambiare la tua vita? Non aspettare che sia lei a farlo, il destino è nelle tue mani. Vuoi diventare come me e guadagnare millemila euro al mese? Allora agisci, perchè tu sei speciale e la nostra azienda speciale ha bisogno di te.

A quel punto le reazioni possibili sono due. O scappi urlando o decidi che è venuto il momento di dare una svolta alla tua vita.

O forse tre. C’è sempre la possibilità di studiare un po’ l’argomento e cercare di capire:

Cos’è il Network Marketing?

Il termine Network Marketing non è sinonimo di Schema Ponzi e non è una catena di Sant’Antonio. Certo, per sua natura si presta a comportamenti spregiudicati da parte delle aziende prive di etica, ma le attività che seguono uno Schema Ponzi sono illegali. Mentre il Network Marketing NON LO E’.

Il Network Marketing, come definito da Wikipedia, “è un metodo di distribuzione di prodotti e servizi che ha la finalità di permettere a chiunque di diventare un distributore e di creare una rete di distributori senza consistenti investimenti in denaro”.

Chi si occupa di Network Marketing, in pratica, ha contemporaneamente il compito di vendere il prodotto dell’azienda e reclutare nuovi venditori. Il piano compensi varierà considerevolmente non solo in base al volume di vendite effettuato, ma anche, e spesso soprattutto, a seconda della dimensione della propria rete di venditori o “downline”. Più bravi saremo a reclutarne di nuovi, e più questi lo saranno a fare altrettanto, e più guadagneremo.

Fare network marketing: si guadagna davvero?

Fare network marketing può essere un’attività certamente remunerativa. Conosco molte persone che vivono di questo. Ma per guadagnare davvero è necessario capire fin da subito che si tratta di un lavoro, non di un’attività da svolgere nel tempo libero sperando di convincere amici e parenti a comprare il vostro prodotto. Se sceglierai questa strategia il meglio che potrai ottenere sarà di venire evitato come la peste da chi ti sta intorno, senza che il tuo saldo in banca ne tragga benefici (se il tuo sponsor ti ha fatto credere il contrario cerca un altro sponsor o ancora meglio un’altra azienda).

Come ogni lavoro necessita di un certo tipo di attitudini: se odio i numeri non posso pensare di mettermi a fare il contabile, se odio vendere non posso fare network marketing.

Quella che per lavorare nel MLM non serva saper vendere è una delle balle a cui gli sponsor fanno ricorso più frequentemente: questo perché alla maggior parte delle persone vendere proprio non piace.

Certo, oggi le tecniche di vendita e reclutamento sono cambiate, non esiste più il porta a porta, si recluta sul web, nei social, tramite i blog. Ma lo scopo resta quello di convincere qualcuno a comprare il tuo prodotto. E se non sai vendere, o non ti piace vendere, non puoi farlo.

Tempo fa leggevo un libro sulle tecniche di reclutamento nel network marketing. Secondo la teoria dell’autore l’attività del network marketer non consiste nel convincere le persone ma nel saper individuare le persone già convinte: chi si occupa di Network Marketing non è un venditore ma un messaggero il cui compito è capire chi voglia ricevere il suo messaggio.

Mi sembra una similitudine tanto banale quanto inefficace. Certo, un commesso non si mette in mezzo alla strada proponendo i suoi articoli ai passanti, aspetta nel negozio e si concentra su chi ha mostrato il proprio interesse entrando. Ma a quel punto deve vendere. Perché l’interesse non sempre si trasforma in un acquisto.

La scelta del target è una fase fondamentale nel network marketing come in qualsiasi altra attività. Ma una volta trovate le persone giuste dovremmo convincerle a scegliere la nostra azienda e il nostro prodotto. Questa non è forse un’attività di vendita?

Quindi se non sei un venditore e non pensi di riuscire a diventarlo, il Network Marketing non è la strada giusta per te.

Se viceversa sei una di quelle persone che riuscirebbero a vendere tute da sci nel Sahara, fare network marketing potrebbe rivelarsi un’attività remunerativaPer dovere di cronaca e completezza di informazioni, tuttavia, vi segnalo questa tabella da cui si evince il contrario:

 

fare Network Marketing: statistiche

Queste statistiche sono prese da MLM the Truth, un sito decisamente “anti” MLM.

Certo, i numeri sono numeri e difficilmente si prestano a interpretazioni. In realtà presi così come sono, senza altri parametri che permettano di interpretarli, non hanno un gran significato. E’ un po’ come cercare di capire quale sia la possibilità di avere successo con un blog facendo il rapporto tra blog esistenti e blog di successo.

Di quelli che hanno intrapreso l’attività, quanti volevano farne una professione? E di questi, quanti vi hanno dedicato il tempo necessario? Quanti si sono preparati nel modo giusto? Quanti hanno perserverato nonostante le difficoltà?

Se ti immagini di diventare miliardario con il network marketing probabilmente vedrai disilluse le vostre aspettative. Ma se il tuo obiettivo è farne una professione e toglierti qualche soddisfazione si tratta di una prospettiva abbastanza realistica (a patto di avere le attitudini necessarie).

 

Se questo articolo ti è sembrato utile o volete raccontare la vostra esperienza con il network marketing, scrivici nei commenti!