“Mi parli di lei” è la domanda che più di ogni altra deciderà l’esito del tuo colloquio di lavoro: scopri come rispondere, e come farti assumere!

Mi parli di leiMi parli di lei non è soltanto la domanda con cui comincia qualunque colloquio di lavoro, è anche la domanda che potrebbe segnare un importante punto a favore della tua candidatura o mettere la parola fine alle tue speranze di assunzione.

Non potrai convincere un selezionatore di essere la persona che sta cercando se prima non impari a rispondere a questa domanda 🙂

 

  • In questo articolo ti spiegherò:
  • Cosa vuole davvero sapere il selezionatore
  • Come adattare la tua risposta alle aspettative dell’azienda
  • Quali errori devi assolutamente evitare
  • Come rispondere alla domanda mi parli di lei (con esempi pratici e differenti scenari)

Mi parli di lei (e mi dica quello che voglio sentire)

Almeno un paio di cose dovrebbero esserti già abbastanza chiare: nessun selezionatore è interessato alla tua vita privata, né a come trascorri il tuo tempo lontano dal lavoro (a meno che le attività che svolgi non abbiano attinenza con le competenze richieste per la posizione).

Neanche il riassunto cronologico del tuo percorso formativo e delle tue esperienze passate riuscirà a sortire qualche effetto positivo: quello che hai fatto è scritto sul tuo curriculum, e se saranno necessari eventuali approfondimenti ti verranno richiesti in seguito.

In definitiva al selezionatore non importa proprio nulla di sapere chi sei e cosa fai, l’unica cosa che vuole sapere è se e come potrai inserirti nell’organico della società.

L’obiettivo della domanda mi parli di lei è uno soltanto:

scoprire se sei in grado di soddisfare le necessità dell’azienda

It’s not about you, it’s about them

It's not about you, it's about them

Le aziende hanno delle aspettative molto chiare e hanno stabilito ben prima di cominciare le selezioni quale sia lo specifico set di competenze, capacità e qualità richiesto al candidato ideale.

Per rispondere alla domanda mi parli di lei non basterà preparare un bel discorso che verrà buono per questa e per le prossime occasioni: non potrai semplicemente elencare le tue capacità e le tue competenze, né raccontare quali tra le qualità più richieste sul mercato del lavoro possiedi.

Ciò che conta davvero non è quanto tu sia bravo e capace, ma piuttosto quanto il tuo profilo sia in linea con quello ricercato dall’azienda.

Per raggiungere il tuo obiettivo (quello di farti assumere) dovrai:

a) determinare quali qualità sono considerate fondamentali per la posizione richiesta

b) modulare la tua risposta in modo da allinearti alle aspettative dell’azienda e fornire prova del possesso di tali qualità.

Scoprire quali sono le capacità e le attitudini richieste non è complicato. Spesso sono chiaramente descritte nella job description, per questo non dovrai dimenticare di leggere più volte l’annuncio e sottolinearne i termini chiave.

Anche il sito della società potrà fornirti informazioni importanti: la vision e la mission aziendale, i progetti correnti e futuri, le politiche di sviluppo e di assistenza al cliente sono elementi che ti permetteranno di determinare i valori fondamentali del brand.

Infine consultando canali sociali come Linkedin e Glassdoor potrai ricavare dati fondamentali sull’organizzazione aziendale, sul profilo degli attuali dipendenti e sulle loro attitudini e competenze.

>> importante!

Ricorda che affermare di essere organizzato, dotato di spirito d’iniziativa, portato al gioco di squadra e abile a lavorare sotto pressione non sarà sufficiente per convincere il selezionatore che davvero possiedi queste qualità.

Dovrai dimostrare di aver già ottenuto in passato risultati misurabili e quantificabili: dovrai raccontare i tuoi successi lavorativi e spiegare in che modo e in quali termini hai saputo rappresentare un vantaggio per la tua azienda.

Gli errori da evitare

mi parli di lei: gli errori da evitare

Poiché abbiamo già chiarito cosa vuole sapere da te il selezionatore immagino che non farai l’errore di parlargli dei tuoi gatti e di quel viaggio in Thailandia che ti ha cambiato la vita.

Quindi possiamo limitarci ad analizzare il più grande degli errori che potresti fare e spiegare perché non devi commetterlo:

  • non trasformare la tua risposta in un monologo di dieci minuti

Fornire al selezionatore informazioni non necessarie non è soltanto inutile, ma anche dannoso.

Se ti mostrerai incapace di distinguere ciò che è importante da ciò che non lo è non farai sicuramente una buona impressione: essere in grado di stabilire il corretto ordine delle priorità è una qualità importante nel mondo del lavoro.

Inoltre i contenuti veramente interessanti al fine del colloquio finirebbero per perdersi tra quelli irrilevanti.

Sai già cos’è un elevator pitch? Un elevator pitch è un discorso che ha lo scopo di catturare l’attenzione di un interlocutore nei limiti di tempo imposti da una corsa in ascensore.

Promuovere se stessi o la propria attività in meno di due minuti non solo è possibile, ma è il modo più efficace per riuscirci: l’estrema sintesi e l’immediatezza di questa forma comunicativa ti permetteranno di concentrarti su ciò che è davvero rilevante.

Prepara il tuo elevator pitch pensando al tuo unico obiettivo: convincere il selezionatore che possiedi tutte le qualità che sta cercando

Mi parli di lei: esempi pratici

Gli esempi riportati di seguito hanno come unico scopo quello di mostrarti alcuni modi in cui potrai modificare la tua risposta adeguandola alle necessità dell’azienda.

I contenuti non sono da prendere alla lettera, né tantomeno da imparare a memoria: nel corso del colloquio dovrai apparire spontaneo, non impegnato a recitare un copione.

mi parli di lei: risposta generale

La definizione in cui più mi riconosco è quella di una persona con una profonda etica del lavoro, estremamente _________________________ (indica le qualità  che sulla base delle tue ricerche corrispondono alle aspettative dell’azienda).
Queste qualità mi hanno aiutato in maniera determinante a portare a compimento i miei obiettivi lavorativi e hanno sempre rappresentato un valore aggiunto per le aziende per cui ho lavorato. In particolare nel corso degli ultimi ____ anni, lavorando come ______________ presso ____________  ho potuto _____________ (racconta una storia di successo passato, spiega come e in quale misura le tue qualità ti hanno permesso di ottenere dei risultati concreti).

mi parli di lei: nessuna esperienzaCome ha avuto modo di verificare leggendo il mio curriculum non ho ancora effettuato esperienze lavorative full time. Tuttavia sono convinto che ciò, piuttosto che essere una lacuna, rappresenti il vero punto di forza della mia candidatura: sono profondamente motivato ad entrare nel mondo del lavoro e determinato a perseguire gli obiettivi e i valori della vostra azienda. 

Le mie passate esperienze nel campo del ____________ (indicare percorso di studi o attività sportive e di volontariato) mi hanno permesso di sviluppare una forte attitudine verso _______________________ (elencare le qualità ritenute fondamentali). I risultati raggiunti in questi campi mi hanno insegnato che nessun obiettivo è precluso a chi lavora con metodo e disciplina costante, ed è quello che intendo fare per la vostra azienda se mi verrà data la possibilità di fare parte della vostra squadra.

mi parli di lei: cambiamento lavorativo

Ho lavorato a lungo nel campo del ______________ (vecchio settore lavorativo). Questa esperienza mi ha permesso di sviluppare e mettere in pratica molte delle mie competenze, come______________ (elencare le principali abilità).

Tuttavia è da molto tempo che sento l’esigenza di un cambiamento lavorativo, in particolare desidero cominciare un’attività nel __________________ (nuovo settore lavorativo), perché questo è il campo che rappresenta il naturale sbocco di tutte le mie attitudini personali e delle mie passioni (concludere raccontando storie di successo associate alle skills richieste nel nuovo settore).

Ovviamente gli scenari possibili sono moltissimi e le tue probabilità di successo dipenderanno in gran parte dalla capacità che avrai di modificare le tue risposte adeguandole al tuo percorso personale e ai bisogni dell’azienda.

Se stai cercando lavoro e vuoi dei consigli personalizzati per prepararti ad un colloquio puoi scrivermi all’indirizzo francesca@webballs.it, sarò felice di aiutarti.

… tutto quello che ti chiedo in cambio è di condividere questo articolo cliccando su uno dei pulsanti in fondo alla pagina 🙂

Se invece non sei ancora riuscito ad ottenere un colloquio, probabilmente devi migliorare il tuo curriculum vitae: leggi questo articolo e scopri come fare:
Non trovi lavoro? Forse non sai scrivere un curriculum efficace